famiglia ferrari acetaia

Una passione che si tramanda da quattro generazioni.

L'amore per l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena è un filo che lega indissolubilmente quattro generazioni della famiglia Ferrari.

Era il 1890 quando, alla nascita della bisnonna Adolfa, venne messo da parte il primo tragn. Questo contenitore in terracotta, dal ventre largo e collo stretto, era tradizionalmente presente nelle vecchie acetaie familiari per poterlo dare alla figlia come dote.

Il tragn rappresenta un vero e proprio testimone, sopravvissuto al tempo e alle vicissitudini, che è passato da madre in figlio fino ad arrivare ad oggi.
Il tragn non è soltanto un oggetto ma un vero e proprio simbolo dell'amore che la famiglia Ferrari prova per questo pregiato prodotto.

Francesco Ferrari, figlio di nonna Adolfa e fautore della prima espansione dell'acetaia, era solito dire che ``la fiducia e la costanza sono dei forti, e l’aceto balsamico tempra e fa forte l’animo degli amanti di questo prodotto”.

La nostra storia

1890
NASCITA BISNONNA ADOLFA
Viene messo da parte il primo tragn come dote
1960
LA PRIMA BATTERIA
Francesco Ferrari acquista la prima batteria di 5 vaselli
1963
LA BATTERIA PER LA PRIMA FIGLIA
Francesco Ferrari predispone la batteria per sua figlia Paola
1976
LA CONSORTERIA
Francesco Ferrari entra a far parte della Consorteria e diventa Maestro Assaggiatore
1986
PAOLA FERRARI
Paola, figlia di Francesco Ferrari, viene coinvolta attivamente nella gestione dell'acetaia
1987
LA TRADIZIONE SI RIPETE
Paola predispone la batteria per la sua prima figlia, Francesca
1990
L'ACETAIA ENTRA IN PIENA PRODUZIONE
Iniziano la produzione su larga scala e le attività di consulenza e manutenzione. Nasce Luca e con lui una nuova batteria di vaselli
1994
LA FAMIGLIA SI ALLARGA
Nasce Stefania, la "piccola di casa" per la quale viene predisposta una nuova batteria di botti
2013
LE NUOVE GENERAZIONI
Luca e Stefania, i più giovani membri della famiglia Ferrari, vengono coinvolti attivamente nelle attività dell'acetaia
2016
LA FATTORIA DIDATTICA
Iniziano le attività della fattoria didattica, rivolte alle scuole e a chiunque voglia visitare l'acetaia
2020
PROIETTATI NEL FUTURO
Oggi l'acetaia conta più di 500 botti ed è in crescita costante, così come la passione della famiglia Ferrari per l'Aceto Balsamico Tradizionale

Ritratto di famiglia.

Come l’aceto impregna le doghe delle botti, infiltrandosi piano piano e acquisendo i profumi e gli aromi da queste, la passione per l'Aceto Balsamico Tradizionale si è insinuata a poco a poco nel nostro cuore ed è lì, forte e solida ancora oggi.

Ogni membro della famiglia Ferrari è impegnato attivamente nella gestione dell'azienda. Controlliamo ogni aspetto della filiera, dalla raccolta alla produzione ed infine all'imbottigliamento.

L'Aceto Balsamico Tradizionale è ciò che amiamo e che unisce la nostra famiglia.

Un ponte che collega le vecchie e le nuove generazioni, che vogliono preservare e rendere accessibile a tutti un prodotto così unico e speciale.
Il nostro passato ed il nostro futuro attraverso una goccia del nostro prezioso aceto.

it_ITItalian